Estate in calo per l’auto: agosto -3,1% (Demo)

[sgb_pgawvc_pdf_start]

 

Un giorno lavorativo in meno, uno scenario di crisi politico-istituzionale e un contesto macroeconomico di stagnazione non aiutano il mercato delle autovetture che in agosto continua a registrare segni negativi, con un calo delle immatricolazioni del 3,1% e 88.939 unità, rispetto alle 91.792 dello stesso periodo 2018.

Gli 8 mesi archiviano un volume di immatricolazioni pari a 1.325.162 unità, con una flessione del 3% verso le 1.366.390 del gennaio-agosto dello scorso anno.

Si protrae lo stato di sofferenza del mercato auto, come dimostra l’analisi degli ultimi 12 mesi, con dati fortemente altalenanti e caratterizzati da sostanziali flessioni. Il calo complessivo del periodo settembre 2018-agosto 2019 è del 5,1% rispetto allo stesso periodo precedente (settembre 2017-agosto 2018).

L’analisi della struttura del mercato dal punto di vista degli utilizzatori evidenzia un ritorno alla flessione per i privati (-5,6%), con una rappresentatività che scende di 1,2 punti al 55,5% del totale mercato. Gli 8 mesi cumulati riescono a mantenere un leggero incremento (+1%) con una quota al 56,7% (+2,4 p.p.). Il noleggio, con la performance peggiore fra i diversi utilizzatori, perde 1/5 dei volumi immatricolati, scendendo al 16% di quota (con un calo a doppia cifra del breve termine e più accentuato per il lungo termine), mentre rimane stabile in volume nel cumulato, con una quota al 25,8% del totale. Le società, in controtendenza rispetto alle flessioni degli ultimi 11 mesi, tornano a segnare un incremento a doppia cifra, portandosi al 28,5% del mercato (+4,4 punti), ma la spinta è tutta da imputare alla dinamicità delle auto-immatricolazioni, in crescita del 19,1%. Le società rimangono comunque in calo del 18,3% nel cumulato.

Sul fronte delle alimentazioni, in agosto il diesel riduce di oltre 1/3 i volumi immatricolati, fermandosi al 38,1% di quota di mercato con una perdita di 18,1 punti. La flessione negli 8 mesi è del 25% con una rappresentatività al 41,8% (-11,9 p.p.). Tutto ciò a vantaggio del benzina, che cresce nel mese del 45,2% in volume e di 14,7 punti percentuali in quota, raggiungendo il 43,8% del totale. Negli 8 mesi tale alimentazione si conferma al 43,5% di quota (+10,4 punti). Sia per diesel che per benzina i trend sono confermati anche nell’analisi effettuata al netto del noleggio. In aumento a doppia cifra in agosto anche il Gpl: +18% (ma +26,7% nell’analisi al netto del noleggio), superando il 10% di quota di mercato, con un 7,2% di rappresentatività in gennaio-agosto. Nello stesso mese il metano incrementa di oltre 1/3 i volumi immatricolati, portandosi al 2,5% di quota di mercato (1,7% negli 8 mesi), l’incremento è un po’ attenuato nell’analisi decurtata dal noleggio. Rallenta l’incremento delle vetture ibride che crescono in agosto del 5,6% (ma al netto del noleggio si fermano al +1,1%) al 4,9% di quota nel mese e 5,4% nel cumulato (dove l’incremento dei volumi è del 25,7%). Infine, le vetture elettriche segnano un aumento del 181,1% portandosi allo 0,6% di quota sul totale (0,5% nel cumulato), in linea con l’analisi al netto del noleggio.

Fonte Unrae.

[sgb_pgawvc_pdf_end][sgb_pgawvc_pdf_button sgb_pgawvc_width=”40″ sgb_pgawvc_height=”60″ sgb_pgawvc_image=”2372″ sgb_pgawvc_class=”” sgb_pgawvc_id=””]
Privacy Preferences
When you visit our website, it may store information through your browser from specific services, usually in form of cookies. Here you can change your privacy preferences. Please note that blocking some types of cookies may impact your experience on our website and the services we offer.